Un folletto della musica in ceramica

Posted in Italia with tags , , , , , , , , , on luglio 8, 2011 by Calogero Mira

Blog e blog musicale

Pagina.

Sabato 26 febbraio ’11

Franz Liszt @ Museo Santo Spirito di Agrigento, «Harmonies poétiques et religieuses», «Funérailles»

Posted in Uncategorized on luglio 8, 2011 by Calogero Mira

La pianista Mariarita Pellitteri inaugura la stagione concertistica 2011 dell’associazione musicale «Fryderyk Chopin» di Agrigento. Ha partecipato al pomeriggio musicale – introdotto dalla presentatrice Lillina Chiarenza – anche il professore Zino Pecoraro.Mercoledì sei aprile ‘11

Vodpod videos no longer available.

Franz Liszt @ Museo Santo Spirito di Agrigento,…, posted with vodpod

Franz Liszt @ Museo Santo Spirito di Agrigento, «Anni di pellegrinaggio», «Dopo una lettura di Dante – Fantasia quasi Sonata»

Posted in Uncategorized on luglio 8, 2011 by Calogero Mira

La pianista Mariarita Pellitteri inaugura la stagione concertistica 2011 dell’associazione musicale «Fryderyk Chopin» di Agrigento. Ha partecipato al pomeriggio musicale – introdotto dalla presentatrice Lillina Chiarenza – anche il professore Zino Pecoraro.Mercoledì sei aprile ’11

Vodpod videos no longer available.

Franz Liszt @ Museo Santo Spirito di Agrigento,…, posted with vodpod

La Spagna, Paolo Nutini ed il festival di Benicàssim

Posted in Europa, Italia, Pop with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on luglio 8, 2011 by Calogero Mira
Gracanica Monastery, Kosovo, Serbia

Image via Wikipedia

Blog e blog musicale

Ma anche il Regno Unito, l’Ungheria, la Serbia e l’Italia. Anche qui.

Martedì ventuno giugno ’11 ed aggiornato pochi minuti fa

Queen di Freddy Mercury e Brian May? Giubbotto giallo per i Liar di Santo Strano

Posted in Europa, Fotografia, Italia, Rock e swing with tags , , , , , , , , , , , , , , , , on luglio 8, 2011 by Calogero Mira

Che colore allegro qui. Bianco e giallo si abbinano benissimo (foto anche su Twitter qui, qui e qui). Immagini scattate ad Agrigento, in piazza San Francesco.

Vi piacciono i successi ed i classici di questa banda o le cosiddette cover di loro canzoni? Ve ne suono qualcuna al pianoforte o ve la canto? Volete mie considerazioni o riflessioni sui testi e le musiche delle canzoni di questo gruppo britannico?

Franz Liszt – «Anni di pellegrinaggio», «Sposalizio» – @ museo Santo Spirito di Agrigento

Posted in Uncategorized on luglio 2, 2011 by Calogero Mira

La pianista Mariarita Pellitteri inaugura la stagione concertistica 2011 dell’associazione musicale «Fryderyk Chopin» di Agrigento. Ha partecipato al pomeriggio musicale – introdotto dalla presentatrice Lillina Chiarenza – anche il professore Zino Pecoraro. Mercoledì sei aprile ’11

Vodpod videos no longer available.

Franz Liszt, «Anni di pellegrinaggio», «Sposali…, posted with vodpod

Alfio Antico, i suoi tamburi e tamburelli ed il presepe artistico al giardino della Kolymbetra di Agrigento

Posted in Europa, Italia, Musica folk with tags , , , , , , , , , , , , on settembre 18, 2014 by Calogero Mira

Premesso che potete leggere di più qui, vi piacciono Silenzio d’amuri con L’Arpeggiata, Di cu sugnu, Semu suli semu tuttu o Facciuzza di melagrana con Sophia Mavrogenidou? Siete stati al concerto di FestambienteSud Winter o al concertone del Primo Maggio in cui ha suonato con i Lautari e Peppe Voltarelli, ex Parto delle Nuvole Pesanti?

Forse leggermente simili in questa lista i Baternù con il loro tributo a Ciccio Busacca. E ci sono anche i catanesi Ipercussonici ed uan versione di un altro gruppo di un successo del siracusano (se non mi sbaglio) Roy Paci insieme agli Aretuska. Ma anche i fratelli Enzo e Lorenzo Mancuso ed i classici di Rosa Balistreri.

«Hit The Road Jack» di Ray Charles secondo i «50 Special» ed i «Thunder Riverb Band». Il testo e la partitura

Posted in Europa, Italia, Pop with tags , , , , , , , , on settembre 10, 2014 by Calogero Mira

Mi piace molto di più la versione dei 50 Special in piazza San Francesco, ad Agrigento. Quel che mi colpisce nella seconda interpretazione, a Porto Empedocle (Ag), è la voce in stile cartavetrata. Ma potete leggere molto di più qui.

https://twitter.com/CMiraMusica/status/509735434319331328

E sapete a cosa si riferisce il riferimento a Bogalusa nel testo?  E com’è la partitura?

 

Al massimo posso suonarvela, a richiesta, al pianoforte. I Thunder Riverb Band sono Dario Adragna all’armonica, Gérard Mazza (voce), il chitarrista Marco Cardella, il bassista Alfonso Butticè, il tastierista Angelo Troia ed il batterista Carmelo Moscato.

Rosa Balistreri? «Tammurriata nera»? Mezzanotte con la tarantella e la taranta dei Murra

Posted in del mondo e popolare, Europa, Italia, Musica folk, Radio - anche in rete - e Webster.it with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on settembre 8, 2014 by Calogero Mira

Che meraviglia ascoltare la taranta e le tarantelle dei Murra o rielaborate da loro (qui qualcosa di più).  E non soltanto queste, ma, più in generale, la loro musica popolare. Mi sembrava di essere alla Notte della taranta in Salento…

Un concerto con balli a piedi nudi vicino alla chiesa dell’Immacolata di Agrigento con «Quannu sinni va» , «Ѐ taranta», «Questioni meridionali», «’A terra mia», «Musica è» e «Terra di nessuno». Lu focu, lu suli, lu mari e Chista è ‘a terra mia, come potete sentire nel video, un accenno di rap dal minuto due, la felicità dei bimbi e delle bimbe che non volevano andare via e… vai con i girotondi, un tempo politicamente di moda.

E… cominciamo con Rosa Balistreri, «Cu ti lu dissi».

Bello il verso lu cori mi scricchia a picca a picca a picca a picca e forse so cosa significa scricchiari nel testo di questa canzone. Per i musicisti: ha un tempo di valzer all’inizio? Difficili gli accordi? E che tacco per una ballerina.

Nel concertino – e c’è tutto in uno dei video qui sopra – anche la tradizione della musica popolare campana, «Tammurriata nera». Molto napoletano e campano il ballo al minuto dieci? E vi piace di più questa versione o quelle della Nuova Compagnia di Canto Popolare, di Roberto Murolo, di Renato Carosone, Peppe Barra e Teresa De Sio?

Infine una «Tarantella» di Athanasius Kircher del Seicento secondo questo gruppo di Caltanissetta. Cosa ne pensate di queste danze siciliane e del Sud dell’Italia? Ah, dimenticavo: il video è stato girato vicino al Mojo ed al Pani’N Plaza di Agrigento, in piazza San Francesco. I musicisti e cantanti si chiamano Raffaele Messina (chitarra, chitarra battente e voce solista), Fabio Messina (violino, mandolino, mandoloncello, oud e bouzuki), Josephine Giadone (voce e percussioni), Valentina Romano (voce), Giuseppe Zuccarello (tamburelli, percussioni e violino) e Mario Spalletta (basso). Meglio questa serata o Ballando con le stelle di Rai1? Ed avete visto o ascoltato la Notte della taranta su Rai5 o su Radio3 Rai?

L’America dei Negrita eredita da Gianna Nannini? «Diavolo in me» e le gite della scuola media

Posted in Cantautrici, Europa, Italia, Pop, Rock e swing, Toscana with tags , , , , , , , , , on settembre 4, 2014 by Calogero Mira

Fammi l’amore recita il testo di America della senese Gianna Nannini. E mi ricorda – me ne sono accorto soltanto a questa Notte bianca del centro storico di Agrigento – Sex dei Negrita, anche loro toscani, di Arezzo. E questo testo anche qui.

https://twitter.com/CMiraMusica/status/507596242457616385

 

 E altro che l’America…

altro che la musica…

quando sei selvatica…
altro che l’America
che l’America!

 

canta Paolo Pau Negri dei Negrita, mentre la Nannini diceva:

 

 Fammi sognare

lei si morde la bocca
e si sente l’America
Fammi volare,
lui allunga la mano
e si tocca l’America
Fammi l’amore,
forte, sempre più forte
come fosse l’America
Fammi l’amore,
forte, sempre più forte
ed io sono l’America

La differenza nel racconto sta nel contesto: passare dal sesso a fare l’amore nella prima e per oggi sto con me, mi basto nella seconda o, altrimenti scritto, autoerotismo e masturbazione.

E ritenete che Le strade delle signore sono infinite, lo sai, come scrive Zucchero Sugar – Adelmo Fornaciari?

 

Gloria nell’alto dei cieli

ma non c’è pace quaggiù

è una questione di peli

sei proprio un angelo tu che…

accendi un Diavolo in me
Si continua, dunque, con l’ambiguità voluta fra religioso e sessualità che mi ricorda le gite scolastiche di scuola media – anni fra l’Ottantasette e l’Ottantanove – in cui il cantante toscano andava molto forte.
Quanto alla musica, non mi piace molto quella della prima, comunque un successo rock, e mi piace moltissimo quella della seconda.
Infine, per i musicanti-viaggiatori, sappiate che ciò che si vede alla fine di questi video è il Duomo di Agrigento.

Rino Gaetano, Modugno e Buscaglione

Posted in Europa, Italia, Pop with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , on settembre 1, 2014 by Calogero Mira

Cominciamo con «Gianna» di Rino Gaetano, «Nel blu dipinto di blu» di Domenico Modugno e «Buona sera signorina» di Fred Buscaglione secondo gli Oblio alla Notte bianca del centro storico, ad Agrigento (qui con molto altro).

https://twitter.com/CMiraMusica/status/506463491122032641

Il testo di Gianna è un capolavoro della sensualità (La gente si sveste e comincia un mondo / un mondo diverso, ma fatto di sesso). E la Napoli citata in Buonasera signorina mi ricorda che devo pubblicare sul mio blog CMViaggi un testo sulla Campania nell’Odissea di Omero a proposito di un documentario visto al Festival del cinema archeologico di Agrigento.

Quanto alla musica è scanzonatissima la melodia di Rino Gaetano, sali-e-scendi delle note nel classico di Modugno e molto veloce la Signorina di Buscaglione.

Spero, infine, di scrivervi sulla puntata di La storia siamo noi di Giovanni Minoli, Rai3, su Rino Gaetano.

Il design musicale, Simona Molinari, Francesco Buzzurro, il jazz e l’opera

Posted in Europa, Italia, Pop with tags , , , , , , , , , , , , , , , on agosto 30, 2014 by Calogero Mira

Che belli il grammofono e le lampade in scena, complimenti al designer, come potete leggere anche qui.

Qui con Francesco Buzzurro in «Over the Rainbow» di Arlen ed Harburg e «Nessun dorma» di Giacomo Puccini.

Non male il testo della prima.

La lirica. Cercando in rete informazioni sul libretto della Turandot ho scoperto – Wikipedia – che Nessun dorma sarebbe una romanza per tenore intonata a Pechino dal personaggio di Calaf proprio all’inizio del terzo atto. Ben note, anche al popolo, le parole Ma il mio mistero è chiuso in me, / Il nome mio nessun saprà! e Vincerò.

https://twitter.com/CMiraMusica/status/505731529306554368

E conoscete versioni – cover – alla chitarra di questi due successi? Io potrei interpretarvele soltanto al pianoforte dal momento che non ho mai suonato una chitarra.

Cristiano De Andrè e l’estate in ricordo di Fabrizio De Andrè

Posted in Europa, Festival di Sanremo, Italia, Liguria, Musica folk, Pop with tags , , , , , , , , , , , , , , , on agosto 30, 2014 by Calogero Mira

«Bocca di rosa» di Fabrizio De Andrè secondo i Panòrm Band anche qui.

«Bocca di rosa» di Fabrizio De Andrè secondo i… di CalogeroM

 

Cristiano De Andrè in Sicilia «Nel bene e nel male», «Cose che dimentico» e «Dietro la porta» e, di Fabrizio De Andrè, «Nella mia ora di libertà» e «Creuza de Ma» (video ed altro video).

Non vi sembra nello stile del padre, Fabrizio, il testo di Cose che dimentico con il reparto intoccabili ed il girone degli invisibili? A me sì. E molto attuale ora sappiamo che è un delitto / il non rubare quando si ha fame in tempo di crisi economica.Interessante il riferimento a Lugano in Creuza de Ma, uscita dalla fucina nello stile dello scrittore-poeta, come si evince dai riferimenti al preservativo.

Quanto alla musica sapete che strumento usa Cristiano De Andrè in Creuza de Ma? Stupendo il pianoforte di Dietro la porta. Ed, infine, avete alcune versioni preferite, le cosiddette cover, di altri cantanti? Mai sentita quella di i Nottefonda?

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 631 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: